Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi
0
0 recensioni

MasterLAB – Scrivere per la TV. Format televisivi, generi e linguaggi

La scrittura è uno strumento che può essere messo al servizio di mestieri molto diversi tra loro. Per esempio si può lavorare per la TV! Ma cosa significa fare parte della grande macchina televisiva? Di certo è necessario sapersi destreggiare tra format, generi e linguaggi. L’autrice televisiva Giulia Soi ti guida in questo viaggio svelandoti anche le fasi di lavorazione di un programma televisivo.
Docente
Giulia Soi
Categoria MasterLAB
2 students Iscritto
  • Descrizione
  • Argomenti
  • Recensioni

La scrittura è uno strumento che può essere messo al servizio di mestieri molto diversi tra loro. Per esempio si può lavorare per la TV! Ma cosa significa fare parte della grande macchina televisiva? Di certo è necessario sapersi destreggiare tra format, generi e linguaggi. L’autrice televisiva Giulia Soi ti guida in questo viaggio svelandoti anche le fasi di lavorazione di un programma televisivo.

Il contenuto e il medium

Che cosa ci racconta la televisione e come lo fa? Ciò che vediamo è falso, tutto è manipolato oppure no? E dove dobbiamo pretendere una stringente adesione alla realtà?

Conoscere le differenze tra informazione, intrattenimento e fiction è fondamentale per capire come si declinano i diversi generi televisivi e per avere anche idea di quante persone sono necessarie per realizzare i contenuti.

La macchina televisiva può essere agile o ben più imponente, pensa al Festival di Sanremo. Dietro, però, cela sempre un fondamentale lavoro di scrittura che può essere molto creativo – per esempio quando si lancia un nuovo format – o più operativo e organizzativo. Ma senza una scaletta ben scritta non ci sarebbe la TV!

Organizzare, scrivere, produrre…

Nel corso della lezione imparerai come si svolge il lavoro per realizzare i diversi programmi televisivi, chi effettivamente fa che cosa e come si dividono i compiti.

Conoscerai i generi televisivi, come sono nati, cosa sono diventati nel tempo, e perché si sono trasformati. Ben sapendo che la TV, come tutti i mezzi di comunicazione, è uno strumento in continua evoluzione.

Un mondo che sempre deve fare i conti con la rappresentazione della realtà e il racconto della realtà e che quindi non può prescindere dalla scrittura.

Per chi è il MasterLAB?

Il MasterLAB è dedicato a chi non ha mai avuto la fortuna di lavorare all’interno di una redazione televisiva ma vorrebbe conoscere i meccanismi che stanno dietro ai programmi, i linguaggi e le esigenze di intrattenimento e comunicative di oggi. A chi cerca un manuale di istruzioni da cui partire per cominciare a ragionare sulla scrittura per la TV.

Come funziona il MasterLAB?

Si tratta di una videolezione di approfondimento della durata di 75 minuti. Puoi vedere e ascoltare la lezione e poi leggere il testo che riassume i concetti chiave e ti aiuta a fissare al meglio i contenuti.

Puoi seguire il corso quando vuoi da pctablet o smartphone. Questo MasterLAB è a tua disposizione e potrai vederlo e rivederlo tutte le volte che lo desideri.

Cosa imparerai

  • Cosa significa “pettinare” la realtà
  • Come si organizza il lavoro in tv
  • Il dipartimento produttivo e il dipartimento creativo
  • I generi televisivi
  • Scaletta, scalettone, soggetto, copione
  • Dal varietà al reality
  • Dal quiz al game show
  • Il format

Biografia della docente

Laureata due volte presso La Sapienza di Roma (in Scienze della comunicazione e in Geografica ambientale) ha iniziato a occuparsi di mass media alla Scuola di Televisione R.T.I. di Maurizio Costanzo, nel 2004 e, da quel momento, non ha più smesso. Dal 2012 è una giornalista pubblicista. Oggi è un’autrice televisiva, con all’attivo più di venti programmi per una dozzina di canali diversi. Sui social cura il progetto sul trasporto pubblico capitolino Giulia sotto la metro e il progetto di cultura pop e attualità @giuliasoi che comprende anche la rubrica #siamoserie, sulle migliori serie tv.
Oltre all’italiano, parla correntemente e insegna cinque lingue, tre vive e due morte.